Il prezzo della Tecar

Il prezzo della Tecar

Il prezzo della Tecarterapia

Lo sai quanto costa una Tecar?

 

Sul mercato ci sono macchine per Tecar che hanno prezzo molto, variegato, troppe differenze tra una Tecar “Pinco Pallino” e un’altra “Pinco Palla”! …e questo dovrebbe bastare per capire che situazione aberrante sia padrona del mercato.

Ti può bastare un investimento di 1500 euro o invece un più impegnativo sforzo economico che si può materializzare con 35000 euro da mettere sul banco per avere la più potente e luminosa o più eloquente Tecar della scena fisioterapica mondiale.

“Quanto costa una Tecar?”

È la domanda che più di tutte mi sento rivolgere. Da tutti: fisioterapisti, massaggiatori, medici e gli utilizzatori finali, i pazienti.

Voglio provare a dare una risposta che sia esaustiva e completa: voglio che ti sia chiaro:

  1. La distinzione tra “prezzo” e “valore”.
  2. La differenza tra “innovazione tecnologica” e “regressione per ignoranza”.

Quando tra colleghi terapisti si disquisisce di Tecarterapia, o quando si “smanetta” in rete in cerca di informazioni sulla Tecar, il primo aspetto a cui si fa attenzione e immediatamente si discute è il suo prezzo. 

Tra gli amici del calcetto serale, invece, quando nello spogliatoio, dopo la partita ci si “lecca” le ferite, si sente spesso questa frase: 

“ho bisogno di fare una Tecar”!

Facciamo i distinguo del caso:

  • Il prezzo della “Tecar” come strumento di cui il terapista si munisce acquistandolo da un rivenditore di elettromedicali.
  • Il prezzo del “trattamento di Tecar” che la persona (utilizzatore finale) compera come servizio quando diventa paziente di uno un centro riabilitativo o di un poliambulatorio, più in generale ed è “normalmente” o “banalmente” fissato ad 1 euro al minuto. 
  • Il prezzo delle Tecar inteso come espressione del marketing nel mercato della fisioterapia che ha reso questo strumento, questa applicazione, questa metodica un argomento sputtanato!

Il Valore della Tecar lo conosci? 

Il Valore della Tecar, quello lo fissi tu! o meglio: lo crei tu!

Ti stai chiedendo come?

Devi essere pronto a metterti in gioco per fare delle scelte. Per fare le scelte giuste devi essere preparato.

Il mio consiglio è questo: preparati! 

Certo che si! Prepararsi costa fatica e sacrificio.

Allora dai!… informarti!

Imparare ad informarti, fatti le domande giuste, studia, ricerca le informazioni le più aggiornate, le più solide, le “ più vere” così che sarai meno esposto a rischi di errori grossolani nelle scelte che farai!

L’entusiasmo è fondamentale, ma poi devi agire. 

Scegliere prevede agire e ogni scelta comporta un sacrificio.

L’argomento Tecarterapia evoca da sempre una grande voglia di emulazione grazie (o per colpa) dell’emozione che il marketing aggressivo di questi anni fa scaturire nei potenziali Tecarterapisti.

La Tecarterapia evoca una bramosa voglia di appartenere ad un gruppo di super tecnici con una super “arma” che da a loro il super potere di guarire il super sportivo! 

L’identificazione e il riconosciuto sono le molle che nel “cervellino” del terapista fanno scattare l’acquisto della Tecar!

Suvvìa:  Non ti sei mai sentito attratto dalla voglia di appartenere ad un gruppo riconosciuto di vincenti fisioterapisti?

Scatta l’emulazione verso il grande riconosciuto fisioterapista che usa la Tecar sul campionissimo sportivo (ma poi?… Chi?…) il terapista medio folgorato dalle immagini evocative di vittorie sportive e testimonianze di recuperi in tempi di record da infortuni che si pensavano irrecuperabili…

L’esperienza oggi mi dice che il terapista medio non si fa le domande giuste, forse è troppo faticoso, forse non è troppo comodo e così mi arrivano email giornaliere di ambiziosi e potenziali Tecarterapisti che mi dicono che hanno letto il mio Blog e poi, ahimè mi fanno domande che sono le domande sbagliate!

Il lettore medio del mio blog è in cerca di una risposta alla sua domanda:

“qual’è il prezzo di una Tecar?” 

Così mi chiedo come posso aiutare ulteriormente chi vuole approcciarsi alla Tecarterapia, quali aspetti devo descrivere, quali informazioni cruciali possono aiutare a fare le scelte giuste.

Ricevo tutti i giorni email di terapisti che vogliono sapere quale Tecar è la migliore.

Ricevo tutti i giorni email di terapisti che vogliono sapere se il prezzo più basso dell’offerta del giorno dell’azienda “Pinco Pallino” sul sito di Amazon è affidabile e mi chiedono una recensione e un consiglio.

Ricevo email da terapisti che chiedono il mio parere anche su informazioni forse un pò più interessanti. Tipo: 

“cosa ne pensi della Tecar dell’azienda “Picaciu” che dice di avere esperienza di 25 anni nella costruzione della diatermia o radiofrequenza e poi si capisce che invece (dal loro sito web) è la prima macchina che lancia sul mercato?

Così dai sogni di gloria e dal film che si erano fatto, il terapista medio si preoccupa SOLO di quanti soldi deve spendere per far sua la Tecarterapia, la macchina dei miracoli e NON si preoccupa, (non ha CONSAPEVOLEZZA) dell’avventura “fantozziana” a cui sta andando incontro.

Come dice un mio caro amico:

Vogliono tutti essere “Santi in Paradiso”, ma nessuno è disposto a morire!

Potrei anche sintetizzare questa osservazione così:

  • Vogliono tutti spendere poco, 
  • Vogliono tutti studiare poco, 
  • Vogliono tutti faticare poco,
  • E Vogliono tutti guadagnare tanto, vogliono essere riconosciuti tanto. 
  • Ti voglio aiutare nelle tue scelte:

Ho preparo sul mio canale YouTube una serie di playlist di video di tutte le “offerte” del mercato perché tu possa facilmente districarsi nelle centinaia di informazioni tutte uguali che richiamano sempre gli stessi attraenti concetti, mielose esche per pesci voraci.

Ne mio canale YouTube  troverai  i video che tutte le aziende che vendono la Tecarterapia hanno pubblicato nel web e potrai cosi farti un’idea dell’offerta che il mercato offre tutti i giorni.

Ti consiglio di fare un giro nel web, vai ai siti delle aziende che vendono elettromedicali, ma armati di pazienza perché sono tanti, tantissimi, pero io ti ho preparato la lista delle “definizioni magnetiche” che vengono più usate per attrarre il terapista ingenuo. 

Ho preparato la classifica e te la mostro:

  1. Tecnologia Innovativa
  2. Strumento d’avanguardia
  3. Approccio scientifico
  4. Direttamente dai laboratori di ricerca della NASA (ahahah!…)
  5. Rivoluzione nel campo fisioterapico
  6. Dallo sport professionistico finalmente disponibile 
  7. Per la prima volta sul mercato, la sola, l’originale

Ti invito a fare “un giochino” simpatico e ti consiglio di andare a vedere la pagina del sito web dell’azienda che vende la “Tecar di turno” e che elenca gli studi scientifici: se c’è la pagina…

Ecco, se l’hai trovata, ti voglio raccontare che a me, questa pagina del sito web è dove mi piace gongolarmi e ridere della banalità, della presunzione e dell’ignoranza che a volte (temo) sia anche accompagnata ad inconsapevolezza e non è sempre mala fede. 

No. Scherzo! …è quasi sempre malafede!

Consapevolezza, responsabilità, e condivisione .

Ti auguro buon lavoro e altresì di fare le scelte giuste.

A presto

Vince Tecar

cookie – privacycredits

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Vincenzo Lancini

PI: 02947020166