Educarne uno per trattarne 100

Educarne uno per trattarne 100

IMG_0695

Quando stai pensando di prescrivere esclusivamente il riposo come cura al tuo maratoneta infortunato,  ti troverai a combattere una battaglia con armi inadeguate perché il maratoneta considera “roba da sfigati” stare fermo quando sente dolore.

Il tuo runner proverà  comunque a correre e tu dovrai trovare un compromesso fatto di suggerimenti che siano efficaci nel convincerlo che la tua strategia è la più corretta.

Esci dalla tua trincea e giocati la carta della diplomazia:

insegna alle persone che vogliono correre a lungo ad usare la testa prima delle gambe, per cui siediti e parla con loro.

Il maratoneta parla, tu ascolti.

Solo così sarai in grado di proporre un  piano terapeutico che si integrerà nella sua tabella di allenamento e che il prima possibile lo riporterà a correre come e meglio di prima.

Ora ti servono armi affilate: usa le domande per raccogliere informazioni che poi analizzerai con il maratoneta perché saranno indicative del suo rischio infortunio.

Quando il tuo maratoneta è infortunato comincia ad educarlo con queste domande:

self-care: guarisci prima, guarisci meglio

1

domande 

comportamento indicato

2

hai sviluppato una tendinite?

non azzerare il carico di lavoro del muscolo. Tieni in attività il polpaccio fuori dal dolore

3

hai avuto un crampo e il muscolo è rimasto dolente il giorno dopo?

applica il ghiaccio per 20’ poi lascia riposare mezzora e poi  applica la buole  d’acqua calda per 20’ 

4

durante la corsa hai sentito una fitta dietro la coscia e poi è comparso un ematoma?

probabilmente hai una lesione muscolare: fai applicazioni di ghiaccio di 20’ nell’ora per più ore. Utile è anche comprimere il muscolo con una benda elastica

5

nell’ultimo allenamento di corsa a ripetute, la schiena ti ha tradito e ora hai dolore lombare importante?

i giorni successivi puoi camminare per far diminuire velocemente il dolore lombare

Quando il tuo maratoneta non è infortunato comincia ad educarlo con queste domande:

impara a tenere l’infortunio lontano 

1

domande 

comportamento indicato

2

Segui la tabella di allenamento alla cieca o ti ascolti quando sei stanco?

evita allenamenti particolarmente intensi quando sei stanco anche se sono programmati dalla tua tabella

3

Se senti dolore, ti alleni lo stesso?

 Fermati: il dolore porta sempre guai. Altera sempre i meccanismi posturali aggravando l’infiammazione

4

Quando fuori fa freddo, ti copri e mantieni i muscoli al caldo? 

Copriti in base all’ambiente se prevedi un impegno muscolare intenso

5

Investi almeno 10 minuti nel riscaldamento prima di iniziare l’allenamento?

dedica un po’ di tempo a “portare in temperatura” il tuo corpo e predisponi muscoli e tendini a lavorare meglio per un allenamento ottimale

Ti ho appena presentato un pacchetto esempio di domande utili da cui puoi partire, ma le domande valide sono tante. 

Vincenzo Lancini
PI: 03950610166

cookie – privacycredits

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Vincenzo Lancini

PI: 02947020166